Archive for febbraio 2010

LIPPERINI, LA LIBERTARIA CON IL VIZIETTO DELLA CENSURA

febbraio 26, 2010

Ieri mia cugina Loredana Lipperini nel suo BLOG si è finta preoccupata per la censura in rete dopo la condanna di Google per il disabile picchiato e filmato. Si è appoggiata all’opinione di Zambardino:

***La società digitale è una società di liberi, che semmai vanno in galera se delinquono. Ma non vanno né censurati né costretti all’autocensura delle “registrazioni” preventive.***

Ho provato a commentare:

***Mi pare che tu sia abituata a censurare i commenti nel tuo blog per motivi molto meno gravi di quelli invocati per Google (il dileggio di un Down)… ahi ahi, bisognerebbe girare un remake di “La Cina è vicina”.***

Postato giovedì, 25 febbraio 2010 alle 10:36 am da Non Censurarmi Come Al Solito

Ovviamente la pasionaria/libertaria Lipperini l’ha CENSURATO lì per lì.

ESSERCI O NON ESSERCI?

febbraio 22, 2010

Oggi la cuginetta Loredana parlava di gioco dell’oca e di “ossessiva ricerca di visibilità” nel suo moderatissimo blog. Un commentatore ha lasciato il commento riportato nella foto qui sopra:

“Esserci o non esserci? This is the question” (Shakespeare, Amleto, versione sanremese di Emanuele Filiberto)”.

Due minuti dopo, il commento era stato, con OCHESCA sollecitudine, censurato e fatto sparire.

Del principe di Venezia si parla anche qui:

http://lucioangelini.splinder.com/post/22285855/VENEZIA+ARRIVA+SECONDA+AL+FEST

LIPPERINI, SIGNORA MIA…

febbraio 11, 2010

Su Lipperatura di ieri 10 febbraio appariva un’intervista ad Arbasino che si concludeva con il seguente botta e risposta:

“I conformisti dell’anticonformismo. Ecco i tuoi bersagli preferiti. Contro di loro si esercita la tua protesta, venata di moralismo.”

Arbasino:

«Non gradisco passare per moralista. Siamo assediati da moralisti con il ditino alzato e dall’aria falsamente ironica. Quando leggo una frase molto moralistica, penso che la più efficace ciliegina sulla torta sarebbe un bel “Signora mia”».

Il commentatore GATTO MIAO ha inviato il commento riportato nella foto:

***Anche alla Lipperini, secondo me, ci si potrebbe rivolgere con il classico “Signora mia”. A parole progressista, di fatto uggiosa censuratrice della dissidenza…***

Postato mercoledì, 10 febbraio 2010 alle 10:55 am da Gatto Miao

IL COMMENTO, OVVIAMENTE, NON HA SUPERATO LA CENSURA*-°