LOREDANA LIPPERINI E LA SATIRA

sticazzi

Mi scrive un accorato Pandorino:

“Ciao, ti va di segnalare nel tuo blog la CENSURA di cui sono rimasto vittima oggi in Lipperatura? Loredana ha scritto nel blog:

http://loredanalipperini.blog.kataweb.it/lipperatura/2014/02/06/e-fattela-una-risata/

‘sarei abbastanza stufa di persone che alle riflessioni sull’insulto e l’offesa accusano l’interlocutore di poco senso dell’umorismo’.

Io ho risposto:

‘Anch’io sarei abbastanza stufo di ripetere che: 1) la satira o è libera o non è, un po’ come il teatro: c’è chi si soddisfa con Shakespeare e chi con gli spettacoli del Bagaglino. E allora?

Quanto alla violenza verbale sessista:

1) Anche dire che Casini lecca il culo a Berlusconi è un commento sessista. Di cazzi culi fiche coglioni pompini, soc’mel ( + vaffanqua e vaffanlà) sono farciti tutti i discorsi delle persone esasperate, ma il più delle volte il sesso e il sessismo non c’entrano niente. Quello che conta è l’esasperazione in sé.

2) Quando dici a qualcuno che è un figlio di puttana, non vuoi dire qualcosa contro sua madre, ma solo che si comporta da stronzo. cmq la violenza verbale si appoggia sempre sui pilastri cazzo culo fica coglioni ti faccio questo ti faccio quello. Altra cosa è uno sganassone in faccia. Certo, alla lettera – mi è stato fatto osservare – figlio di puttana è metafora sessista (la colpa è della madre, la colpa è sempre delle donne, un tempo si dava alla madre anche la colpa del genere del nascituro), ma ormai l’iniziale radice sessista è scomparsa. i significanti attuali hanno assunto altri significati. quando si è incazzati (ecco di nuovo il cazzo), non si fa della filologia, ma del semplice turpiloquio, non diverso da quello che è continuamente adoperato contro i grillini. Si veda il lungo elenco degli insulti nei loro confronti recuperati da Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano il 4 febbraio scorso (”Senti chi insulta”).

Postato giovedì, 6 febbraio 2014 alle 1:43 pm da Pandorino”

VISTO CHE IL COMMENTO ERA STATO CENSURATO ho aggiunto:

“E tu piantala con ’ste censure penose (da “pene”, naturalmente).

Postato giovedì, 6 febbraio 2014 alle 1:49 pm da Pandorino ”

Ma la tipa, che ha il sense of humour di un paracarro, ha CENSURATO pure quello. Oh com’è bello dibattere di satira sul blog di Loredana Lipperini!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: